firenze-min

Canta e cammina!

Dopo il fuoco acceso per la prima volta sulla piazza che prenderà il nome di Don Franco Bencini, è salito al cielo il canto: “Esulti il coro degli Angeli! Esulti la terra! Esulti la Madre Chiesa!”

È il primo canto durante la grande veglia pasquale, ritmato dall’Alleluia ripetuto dall’assemblea! I cristiani sono il popolo dell’Alleluia pasquale! 

Abbiamo tanti motivi per essere stanchi, insoddisfatti, mortificati dal male che ci circonda, impreparati davanti agli imprevisti, qualche volta anche arrabbiati… eppure la gioia intima, quella che gli avvenimenti non possono scalfire, è la caratteristica del credente. Uomo portatore di letizia.

Sant’Agostino, in mezzo a difficoltà di ogni tipo, invitava così i suoi fedeli: “Cantiamo Alleluia! 

Cantiamo Alleluia anche adesso, sebbene in mezzo a pericoli e a prove che ci provengono e dagli altri e da noi stessi. …L’uomo resta ancora dominio del peccato, della fragilità, ma Dio è fedele… Sei in balia della tentazione, ma Dio ti farà trovare una via per uscirne e non perire nella tentazione. Ti si potrebbe paragonare al vaso del vasaio: con la predicazione vieni modellato, con la tribolazione vieni cotto. … Adesso il nostro corpo è animale, lassù sarà spirituale. Per questo darà vita anche ai vostri corpi mortali ad opera dello Spirito che abita in voi.

Oh, felice Alleluia, quello di lassù! Alleluia cantato in piena tranquillità, senza alcun avversario! Lassù non ci saranno nemici, non si temerà la perdita degli amici. Qui e lassù si cantano le lodi di Dio, ma qui da gente angustiata, lassù da gente libera da ogni turbamento; qui da gente che avanza verso la morte, lassù da gente viva per l’eternità; qui nella speranza, lassù nel reale possesso; qui in via, lassù in patria. Cantiamolo dunque adesso, fratelli miei, non per esprimere il gaudio del riposo, ma per procurarci un sollievo nella fatica. Come sogliono cantare i viandanti, canta ma cammina; cantando consolati della fatica, ma non amare la pigrizia. Canta e cammina!

Cosa vuol dire: cammina? Avanza, avanza nel bene, poiché ci sono certuni che progrediscono in peggio.  Se tu progredisci, cammini; ma devi progredire nel bene, nella retta fede, nella buona condotta.  Canta e cammina! Non uscire di strada, non volgerti indietro, non fermarti!”.

Padre Giuliano Riccadonna, a.a.

Photo: Signature  : Cyril BADET/CIRIC (Vigile pascale en la cathédrale Notre Dame à Paris)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *