Diventare Assunzionisti

La vocazione è una scoperta. Come il piccolo Samuele della Bibbia, quando “scopre” un giorno che Dio gli parla; mi interpella, mi chiama per nome. Qui sta il cuore della vocazione cristiana. Non sono un elettrone perso nell’universo, ma mi trovo di fronte a Qualcuno che mi situa in questo mondo così tanto ordinario, abituale e banale. Un mondo che mi appare ai miei occhi come un mondo in creazione, in sviluppo, che è accompagnato da Dio, che lo salva Dio.

E mi parla Dio, non lo farà con segni esterni per i sensi: niente tuoni, terremoti o fuoco che divora. La parola di Dio invita ad un ascolto interiore.

Dio parla con il cuore. Nel soffio di una brezza leggera. Nel mormorio di chi ama. Il sussurro dello Spirito di Cristo abita già in me. E’ Cristo, il Maestro interiore, guarisce, che chiama come ai tempi degli Apostoli suoi discepoli. E’ l’amore del Padre che dava la vita (vivifica). Giorno dopo giorno. Se continuo ad ascoltare questa Parola interiore, posso quindi vedere la consistenza della mia vita in diverse forme possibili, tra cui un dono senza ritorno. Alcuni cammini sono segnati, altri hanno la discrezione di un sentiero di montagna. Ma in ognuno Cristo ci precede.