PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Apertura di un centro per migranti al confine italo-francese

Migranti camminano lungo il fiume Roja Foto: ANSA - Chiara Carenini
Migranti camminano lungo il fiume Roja Foto: ANSA - Chiara Carenini
Un nuovo centro permanente per migranti sta per essere aperto nella città italiana di Ventimiglia, vicino al confine con la Francia. Nelle ultime settimane circa 90 persone sono arrivate nella città ogni giorno, nella speranza di raggiungere il territorio francese.

Fonte:  Infomigrants

Un centro di accoglienza permanente per migranti sarà aperto nella città italiana di confine di Ventimiglia, hanno dichiarato questa settimana le autorità locali. La decisione è stata annunciata dopo una riunione presso la prefettura della città ligure di Imperia, alla quale hanno partecipato il prefetto Francesca Ferrandino, il capo del dipartimento immigrazione e libertà civili del ministero dell’Interno, il sindaco Gaetano Scullino e il prefetto Armando Nanei.

Oltre alla struttura permanente, sarà allestito anche un centro temporaneo per ospitare il crescente numero di migranti che si prevede arriveranno durante l’estate, hanno dichiarato le autorità. Il centro di accoglienza temporaneo di Parco Roja è stato chiuso nel luglio 2020.

Nelle ultime settimane sono arrivate in media 90 persone al giorno, soprattutto famiglie.

Sono necessarie risposte immediate e a lungo termine

Il centro permanente sarà nel quartiere Mortola della città, mentre la struttura temporanea potrebbe essere allestita nell’area del Parco Roja. “Abbiamo preso in esame il fatto ineludibile che Ventimiglia deve gestire il fenomeno, cosa che non ci permette di girarci dall’altra parte e che richiede un’azione immediata e un impegno a medio e lungo termine”, ha dichiarato Ferrandino.

L’area inizialmente individuata dal sindaco di Ventimiglia per l’apertura della struttura è al vaglio del Dipartimento immigrazione, delle autorità regionali e provinciali.

Il prefetto Nanei ha aggiunto che lavorerà con il sindaco per “trovare prima una soluzione temporanea e successivamente una situazione più stabile e a lungo termine”.

Il 90% è costituito da migranti irregolari

Il sindaco Scullino ha chiesto al Ministero degli Interni di mettere a disposizione degli autobus per portare i migranti irregolari ai centri di rimpatrio, compresi quelli che arrivano dalla Francia. “I dati ci dicono oggi che il 90% delle persone che arrivano a Ventimiglia sono irregolari”, ha detto. “Vogliono attraversare il territorio francese, ma non rimanere in Francia”.

Ha poi aggiunto che “fermare le persone in transito non è semplice, ma Ventimiglia non può pagare da sola un prezzo così alto. Come sindaco, spero che il problema venga almeno governato, se non risolto definitivamente”.

Il sindaco e il prefetto faranno un sopralluogo nelle zone della città per cercare una sede adeguata per il centro temporaneo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare