PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Il Papa: come è triste che popoli cristiani pensino a farsi guerra

PapaFrancesco
La risposta di Gesù a chi gli fa del male non è la vendetta o il rancore, ma la gentilezza e la mitezza di chi porge l'altra guancia e apre una breccia nel cuore del nemico.

Il Papa: come è triste che popoli cristiani pensino a farsi guerra

La risposta di Gesù a chi gli fa del male non è la vendetta o il rancore, ma la gentilezza e la mitezza di chi porge l’altra guancia e apre una breccia nel cuore del nemico. Così anche i cristiani sono chiamati a non cedere all’odio ma ad andare oltre, e solo con la forza di Dio possono farlo. Questo al centro della riflessione del Papa all’Angelus della VII domenica del Tempo ordinario. Da qui, il forte e rinnovato appello ad essere operatori di pace oggi e sempre nel mondo

Gabriella Ceraso  – Città del Vaticano VaticanNews

È possibile amare i nostri nemici? È possibile porgere l’altra guancia quando veniamo percossi? Gesù nelle pagine del Vangelo di oggi ci chiede di farlo, dandoci delle “indicazioni fondamentali” proprio per quando ci troviamo sul “banco di prova”, di fronte “a chi ci è nemico e ostile, a chi cerca sempre di farci del male”. E se ci chiede questo è perché ci dà Lui stesso la forza di amare, “di andare oltre, molto oltre l’odio e l’istinto”.

“Amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male” e ancora … “A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra”

Sono queste le parole dell’evangelista Luca da cui muove la riflessione del Papa, prima della preghiera dell’Angelus. “Se non si reagisce ai prepotenti, ogni sopruso ha via libera”, davvero dunque il “Signore ci chiede cose impossibili e anzi ingiuste?” domanda Francesco e, per rispondere, invita a guardare a come Gesù porge l’altra guancia, durante la passione, quando è processato ingiustamente e schiaffeggiato:

Dice alla guardia: «Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?» Chiede conto del male ricevuto.

Porgere l’altra guancia: la gentilezza che spegne l’odio

Ecco dunque cosa significa “porgere l’altra guancia”. Non significa – spiega il Papa – “subire in silenzio o cedere all’ingiustizia”:

Gesù con la sua domanda denuncia ciò che è ingiusto. Però lo fa senza ira senza violenza, anzi con gentilezza. Non vuole innescare una discussione, ma disinnescare il rancore. Questo è importante: spegnere insieme l’odio e l’ingiustizia, cercando di recuperare il fratello colpevole. Non è facile questo, ma Gesù lo ha fatto e ci dice di farlo anche noi.

La mitezza è più forte delle percosse e fa breccia 

Dunque in Gesù che patisce ingiustizia e percosse non c’è rancore, ma “mitezza”, una risposta che non è debole o sottomessa, ma anzi denota una “forza interiore più grande” che vince il male e apre una breccia in chi ci odia:

Porgere l’altra guancia non è il ripiego del perdente, ma l’azione di chi ha una forza interiore più grande, porgere l’altra guancia è vincere il male col bene, che apre una breccia nel cuore del nemico, smascherando l’assurdità del suo odio. Questo atteggiamento, questo porgere l’altra guancia non è dettato dal calcolo o dall’odio ma dall’amore.

Ed è proprio “l’amore gratuito e immeritato che Gesù ci dona” – sottolinea Francesco – che muove il nostro cuore ad un modo di fare simile al Suo, rifiutando ogni vendetta. Noi invece siamo purtroppo abituati – aggiunge a braccio il Papa – a custodire nel cuore il rancore che distrugge la persona.

I cristiani possono rispondere al male col bene

Di fronte al nemico è possibile dunque amare? Anche a questa domanda il Papa risponde indicando il modello di Gesù. Perchè – spiega – se dipendesse da noi “sarebbe impossibile”, ma “ricordiamoci che quando il Signore chiede qualcosa, vuole donarla”. “Quando mi dice di amare i nemici, vuole darmi la capacità di farlo”, senza di essa non potremmo agire. Cosa chiedere dunque a Dio? La forza di amare, che “è lo Spirito Santo” :

Con lo Spirito di Gesù possiamo rispondere al male con il bene, possiamo amare chi ci fa del male. Così fanno i cristiani. E com’è triste, quando persone e popoli fieri di essere cristiani vedono gli altri come nemici e pensano a farsi guerra! E’ molto triste.

Maria ci renda operatori di pace con chi ci è ostile

Come vivere dunque gli inviti di Gesù nel quotidiano quando una persona ci fa del male? Rancore o mitezza è il nostro atteggiamento? Ancora una volta il Papa invita a pensare e indica come agire: guardare al modello di Gesù “mite durante il processo”, poi chiedere la luce dello Spirito Santo e soprattutto pregare per il nostro nemico.“Non sentiamoci vittime” dice Francesco, ” fermiamoci e chiediamo aiuto” al Signore per la persona che ci fa del male:

Pregare per chi ci ha trattato male è la prima cosa per trasformare il male in bene. La preghiera. La Vergine Maria ci aiuti a essere operatori di pace verso tutti, soprattutto verso chi è ostile e non ci piace.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare

Notizie

Veglia di Avvento

L’inizio del nuovo anno liturgico a livello diocesano sarà segnato dalla Veglia di Avvento celebrata dal Cardinale Giuseppe Betori il 26 Novembre alle ore 21.00 .

Notizie

News Sale della Terra Onlus

Dona il “5 per mille” nella dichiarazione dei rediti CF 94102810481 tramite donazioni liberali sul conto corrente presso Banca Etica IBAN IT92T 05018 02800 00001 11028 45