PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Mentre il mondo guarda l’Ucraina, l’Afghanistan si riempie di talebani

Talibani
(EFE/ Stringer)
I talebani stanno usando le detenzioni, la repressione, la censura e le uccisioni per stringere la loro presa sul potere.

Mentre l’attenzione del mondo è concentrata sull’Ucraina, l’Afghanistan è sprofondato nell’oscurità. I talebani stanno rafforzando il loro controllo tra crescenti segnalazioni di detenzioni, stupri ed esecuzioni sommarie di minoranze, difensori dei diritti, donne e persone associate al vecchio governo o alla nuova resistenza.

Nelle settimane successive all’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio, i talebani hanno esteso i divieti su molte parti di quella che era la vita normale prima che prendessero il controllo del paese la scorsa estate. Le restrizioni sui media, l’intrattenimento e le festività tradizionali sono state estese mentre i talebani fanno rivivere vecchie pratiche, come il rapimento di stranieri per ottenere una leva politica.

I giornalisti continuano a essere detenuti e picchiati, e centinaia di organizzazioni mediatiche sono state chiuse, assicurando che le attività talebane – compresi gli arresti arbitrari e le uccisioni extragiudiziali – non siano riportate. Una fonte di sicurezza afgana di alto livello, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che la Cina sta aiutando i talebani a costruire una stazione televisiva.

Le celebrazioni per il nuovo anno zoroastriano del 20 marzo sono state annullate. La bandiera afgana è stata sostituita dalla bandiera bianca dei talebani. Le reti televisive non sono autorizzate a trasmettere programmi stranieri e la musica e il ballo sono vietati. I giornalisti devono lavorare con severe limitazioni; i dipendenti di Tolo TV, che ha fatto concessioni ai talebani per rimanere in attività, sono stati arrestati dopo aver riferito della censura.

Dopo aver tenuto le ragazze fuori dalla scuola da quando il gruppo ha preso il potere, i Talebani hanno annunciato che le ragazze potranno tornare in classe, ma dovranno rimanere segregate dai ragazzi. Una carenza di insegnanti donne ridurrà ulteriormente l’apprendimento, e il curriculum dei ragazzi include la glorificazione degli attentatori suicidi.

“L’Afghanistan è finito”, ha detto Waliullah Rahmani, un imprenditore dei media che è fuggito dal paese subito dopo che i talebani hanno ripreso il potere il 15 agosto 2021. Come molti afghani in esilio, egli teme che l’attenzione globale sulla guerra della Russia in Ucraina stia permettendo gli eccessi dei talebani mentre sradicano tutti i resti del precedente governo.

Dalla presa di potere dei talebani, un numero incalcolabile di persone è stato arrestato e torturato per intimidire gli altri al silenzio. I più vulnerabili sono le minoranze come gli Hazara, che sono Sciiti e considerati apostati dai Talebani Sunniti, che sono per lo più Pashtun. Fonti in Afghanistan hanno detto che i rapiti sono tenuti in prigioni segrete in tutto il paese.

“Molte donne non rivelano mai di essere state detenute dopo il loro rilascio a causa delle domande che verrebbero inevitabilmente sollevate sul fatto che siano state violentate”, ha detto la fonte della sicurezza.

Shah-Hussain Maluf Ashrafi, 30 anni, è un giornalista televisivo hazara che ha lavorato anche con il precedente governo prima della presa di potere dei talebani. È stato arrestato il 13 dicembre 2021 e trattenuto durante la notte mentre veniva interrogato e picchiato “perché sono un giornalista, perché sono hazara e anche per il mio lavoro con il precedente regime”, ha detto. Suo fratello e suo cognato sono stati arrestati a causa della loro associazione con lui, ha detto, e i veicoli della famiglia sono stati confiscati. Recentemente ha lasciato l’Afghanistan per la sua sicurezza.

Faisal Mudaras, uno YouTuber di 24 anni, ha detto di essersi scontrato con i talebani dopo aver riferito della morte di un ragazzo nella valle del Panjshir, dove il sentimento anti-talebano risale a decenni fa. È stato trattenuto per otto giorni a gennaio e torturato fino a quando suo padre ha promesso ai talebani che suo figlio non avrebbe mai più parlato contro il regime. Ha anche lasciato il paese dopo aver rilasciato un’intervista a un’agenzia di stampa internazionale che è stata poi trasmessa in Afghanistan, ha detto.

E i talebani stanno terrorizzando anche gli stranieri, tra cui l’arresto di Andrew North, che stava lavorando con l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, e l’uomo d’affari Peter Juvenal. Una fonte vicina alla leadership talebana ha detto che due americani e otto britannici sono attualmente tenuti in isolamento e senza accuse, tra cui Juvenal e Mark Frerichs, un ingegnere americano di 59 anni e veterano della marina, detenuto nel gennaio 2020. North è stato rilasciato pochi giorni dopo la sua detenzione a febbraio.

Prendere di mira gli stranieri è un modo per i Talebani di reprimere quelli che considerano i loro nemici locali. Un afgano che vive in esilio ha detto che un parente è stato rapito dopo essere stato attirato in un luogo da un testo che credeva fosse stato inviato da uno straniero con cui aveva lavorato, ma che non sapeva fosse stato detenuto. Il suo stesso telefono è stato poi usato per attirare almeno altre due persone a incontri fasulli, dove sono stati anche loro rapiti. Mudaras, lo YouTuber, ha detto di essere stato trattenuto dopo essere stato invitato a un falso incontro.

I guai economici dell’Afghanistan, già catastrofici prima che la Russia iniziasse la guerra in Ucraina, sono solo peggiorati. Ora, la fame e la povertà perseguitano la popolazione. La perdita delle tanto necessarie importazioni di grano ucraino e russo, così come le minori esportazioni di fertilizzanti russi necessari per l’agricoltura, stanno facendo lievitare i prezzi degli alimenti.

Il Programma Alimentare Mondiale (PAM) acquista dalla Russia e dall’Ucraina fino al 70% del suo grano da distribuire a paesi come l’Afghanistan. I cattivi raccolti dell’anno scorso in alcuni paesi produttori avevano già fatto salire i prezzi di circa il 30%. Human Rights Watch ha detto che da gennaio, circa 13.000 bambini sono “morti per malnutrizione e malattie legate alla fame”, anche se le agenzie delle Nazioni Unite come il PAM hanno detto che stanno distribuendo cibo.

Ma il prezzo del pane a Kabul è raddoppiato di nuovo negli ultimi mesi, secondo un produttore video che ha detto che la sua famiglia ha comprato un forno per cuocere il proprio pane perché “essere visti portare a casa il pane dalla panetteria può essere pericoloso. La gente ti attacca per questo”.

Come Rahmani, decine di migliaia di afghani della classe media e istruiti hanno lasciato il paese, e molti altri chiedono a gran voce di andarsene. Il ministero degli Esteri afgano è sommerso da richieste di passaporti, anche se pochi paesi concedono visti agli afgani.

Ma il contrasto con l’accoglienza che vedono riservata agli ucraini in fuga dalla guerra – più di 3,5 milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina, secondo le Nazioni Unite – è crudele, poiché molti afghani hanno sentito la freddezza dei paesi occidentali, rendendo loro difficile l’ingresso e tanto meno l’insediamento.

“Fa male”, ha detto un uomo d’affari afgano di mezza età che ha trascorso sette mesi evitando di cadere in quella che lui chiama la “trappola dell’asilo” di richiedere lo status di rifugiato e rinunciare al diritto di vivere, lavorare e muoversi liberamente.

Testo scritto in inglese in: Foreign Policy da: Lynne O’Donnell è una colonnista di Foreign Policy e una giornalista e autore australiana. È stata capo ufficio Afghanistan per Agence France-Presse e Associated Press tra il 2009 e il 2017.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare