PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Sei conflitti armati aumentano la violenza in Colombia

Conflitti
Secondo il rapporto annuale del Comitato Internazionale della Croce Rossa in Colombia, intere popolazioni sono scosse dalla recrudescenza della violenza tra molteplici attori armati.

DW Autore Alexandra Correa (dalla Colombia) 

La situazione sta lasciando le peggiori cifre di violenza dal processo di pace con le FARC nel 2016. Le vittime di ordigni esplosivi, comprese le mine, sono aumentate di nove volte dal 2017. Questo si traduce in quasi 500 vittime l’anno scorso, rispetto alle 57 di cinque anni fa, secondo il CICR.

“Le comunità sono quelle che soffrono di più”, dice il capo della delegazione del CICR Lorenzo Caraffi al lancio del rapporto. I gruppi hanno lasciato i contadini, così come le comunità nere e indigene, presi nel fuoco incrociato e costretti allo spostamento di massa e al confinamento.

Oltre alle ferite fisiche lasciate dagli ordigni esplosivi, non si possono misurare le conseguenze sulla salute mentale delle comunità i cui giorni sono trascorsi in un pericolo latente. La maggior parte delle vittime sono civili, dice Caraffi.

Riconfigurazione del conflitto armato

Secondo il CICR, la Colombia ha oggi sei conflitti armati (vedi riquadro). Questo aggrava e complica la situazione umanitaria, soprattutto nelle regioni vicine al Pacifico colombiano come Nariño, Chocó, Cauca o vicino al Venezuela come nel Norte de Santander, tra le altre regioni.

In queste zone ci sono rendite illegali, compresa la produzione di cocaina, quindi la lotta per gli affari è più forte in queste regioni, dice Leonardo González Perafán, coordinatore dell’Osservatorio dei Diritti Umani dell’Istituto di Studi per lo Sviluppo e la Pace, INDEPAZ.

Decenni fa, lo stato colombiano doveva affrontare due o tre gruppi armati che dominavano la maggior parte del paese. Oggi, dopo il disarmo delle FARC, ci sono molteplici gruppi criminali che si contendono le economie illecite.

“Quando c’era un numero più limitato di attori armati a livello territoriale, era più facile per le comunità gestire la situazione”, dice Caraffi, che ha anche sottolineato che le comunità che non sono coinvolte nel conflitto vedono passare diversi attori armati e quindi è molto difficile per loro identificarli, allontanarsi e vivere una vita normale.

Conflitto per il territorio

Per González Perafán di INDEPAZ, la recrudescenza della violenza è drammatica. In contrasto con i sei conflitti tra attori armati identificati dal CICR, l’Istituto per lo sviluppo e gli studi sulla pace classifica i conflitti per territorio.

Le alleanze o le dispute tra gruppi armati dipendono dai diversi interessi economici in gioco in ogni territorio, spiega González. “La grande maggioranza dei gruppi armati fornisce servizi di sicurezza per il traffico di droga e le rendite generate dalla guerra”, conclude per DW.

Spostamenti in aumento

Il conflitto armato nel 2021 ha lasciato più di 52.000 persone sfollate in massa, cioè in gruppi di più di 10 persone, e quasi 78.000 persone individualmente. La gente fugge dal fuoco incrociato, dalle minacce, dal reclutamento forzato, dalla violenza sessuale e dal trattamento degradante, sottolinea il rapporto annuale del CICR sulla Colombia. Il CICR menziona anche la popolazione migrante, che soffre anche le conseguenze dei conflitti armati e della violenza.

Il CICR fa dunque un appello urgente ai membri del Congresso e al prossimo governo che si insedierà nell’agosto 2022 in Colombia affinché ascoltino, abbiano una presenza territoriale e stanzino le risorse finanziarie necessarie per fornire alle popolazioni e alle vittime un’assistenza completa.

“Guardate cosa sta succedendo, guardate il peggioramento della situazione, l’aggravarsi delle conseguenze, e per favore fate in modo che la popolazione sia protetta e assistita”, sottolinea il capo della delegazione del CICR, Lorenzo Caraffi, a Bogotà.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare

Notizie

Veglia di Avvento

L’inizio del nuovo anno liturgico a livello diocesano sarà segnato dalla Veglia di Avvento celebrata dal Cardinale Giuseppe Betori il 26 Novembre alle ore 21.00 .

Notizie

News Sale della Terra Onlus

Dona il “5 per mille” nella dichiarazione dei rediti CF 94102810481 tramite donazioni liberali sul conto corrente presso Banca Etica IBAN IT92T 05018 02800 00001 11028 45