PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Italia: 358.000 stranieri lavorano in agricoltura

Un lavoratore agricolo in Puglia | Foto: ANSA
Un lavoratore agricolo in Puglia | Foto: ANSA
Quasi il 30% delle persone che lavorano in agricoltura in Italia sono migranti e rifugiati, secondo la Coldiretti. Se la maggior parte di loro è costituita da braccianti agricoli, si parla anche di 17.000 stranieri che possiedono aziende agricole in Italia.

Fonte: INFOMIGRANTS

In Italia, 358.000 lavoratori provenienti da 164 Paesi sono impiegati in agricoltura, ha affermato la Coldiretti in un comunicato diffuso lunedì (20 giugno). Ciò significa che gli stranieri rappresentano il 29% dei lavoratori del settore, ha precisato la Coldiretti.

La confederazione ha affermato che mentre la maggior parte degli immigrati e dei rifugiati impiegati in agricoltura sono dipendenti con contratti a breve termine, un numero crescente di stranieri è diventato proprietario di un’azienda agricola. Si parla di quasi 17.000 imprenditori e imprenditrici stranieri nell’agricoltura italiana.

Richiesta di permessi più rapidi per i lavoratori immigrati
In molti territori agricoli, i lavoratori immigrati fanno parte del tessuto sociale ed economico, sostiene l’organizzazione. A titolo di esempio sono state citate le raccolte di fragole nel veronese, di viti in Friuli e di mele in Trentino, ma anche di frutta in Emilia Romagna e di uva in Piemonte.

La Coldiretti ha chiesto un più rapido rilascio dei permessi per consentire l’arrivo dei lavoratori extracomunitari che sono già stati ammessi con il decreto sui flussi migratori in Italia.

L’organizzazione ha sostenuto che le aziende rischiano di perdere il lavoro di un’intera annata agricola a causa della burocrazia.

Rispetto allo scorso anno, ha precisato la Coldiretti, il numero di lavoratori extracomunitari ammessi in Italia per decreto è salito a 69.000 unità. Tuttavia, solo 42.000 sono stati ammessi per il settore agricolo, nonostante la richiesta di circa 100.000 lavoratori, ha dichiarato l’organizzazione.

I lavoratori agricoli migranti sono spesso vittime di sfruttamento
All’inizio di questo mese, l’Italia ha annunciato che aumenterà le quote di immigrazione per motivi di lavoro nel 2022.

Sebbene l’agricoltura italiana si affidi in larga misura agli stranieri, molti lavoratori agricoli migranti in Italia devono affrontare condizioni di lavoro e di vita difficili, in particolare i migranti irregolari. La scorsa settimana, le autorità locali e un sindacato di lavoratori agricoli della Basilicata hanno firmato un accordo per prevenire lo sfruttamento.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare