PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

Migranti assaltano la barriera di confine con la Spagna in Marocco

Spanish authorities say as many as 2,000 migrants attempted to cross into the enclave of Melilla on June 24, 2022 | Photo: Javier Bernardo/AP/picture-alliance
Spanish authorities say as many as 2,000 migrants attempted to cross into the enclave of Melilla on June 24, 2022 | Photo: Javier Bernardo/AP/picture-alliance
Venerdì un gruppo di migranti ha cercato di prendere d'assalto il confine che separa l'enclave spagnola di Melilla dal Marocco. Le autorità marocchine avrebbero arrestato un migliaio di africani sub-sahariani per l'incidente, che ha provocato decine di feriti.

Autore: Marion MacGregor 

Fonte originale: INFOMIGRANTS

All’alba di venerdì (24 giugno), circa 2.000 migranti si sono avvicinati alla barriera che divide il piccolo territorio spagnolo di Melilla dal Marocco, ha dichiarato la delegazione locale del governo spagnolo in un comunicato. Più di 500 persone sono riuscite a entrare nell’area di controllo del confine dopo aver tagliato una rete con delle cesoie, e 130 di loro sono riuscite a entrare a Melilla, secondo la dichiarazione.

Secondo le prime notizie, circa 400 migranti avevano preso d’assalto la barriera del posto di frontiera di Chinatown e la delegazione governativa ha dichiarato che un “numero significativo” era riuscito a entrare. La delegazione governativa ha aggiunto che i migranti, provenienti dall’Africa subsahariana, erano “perfettamente organizzati e violenti”.

Secondo le autorità spagnole, le forze di sicurezza delle due parti hanno collaborato per cercare di impedire l’attraversamento. Negli ultimi giorni si sono verificati diversi scontri tra le autorità marocchine e i migranti che cercavano di avvicinarsi a Melilla, ha riferito il quotidiano spagnolo El Diario.

Rapporti di violenza
Il gruppo umanitario Solidarity Wheels, con sede a Melilla, ha accusato la polizia di frontiera di brutalità e ha detto che si sono sentiti degli spari.

L’agenzia di stampa spagnola EFE ha confermato che decine di migranti sono rimasti feriti durante il tentativo di attraversamento. Citando “fonti di sicurezza”, EFE ha riferito che sono stati arrestati “un migliaio di subsahariani”, molti dei quali di origine sudanese.

Coloro che sono riusciti ad attraversare il confine si sono recati in un centro di accoglienza per migranti locale (CETI), ha riferito l’agenzia di stampa Europa Press. Ma non è chiaro se alcuni migranti siano stati sottoposti a “rimpatri a caldo”, una politica controversa che consente alla Spagna di respingere i migranti al confine in determinate circostanze, come nel caso in cui tentino di attraversare in modo non autorizzato e in massa.

Negli ultimi anni, migliaia di migranti hanno tentato di attraversare il confine di 12 chilometri tra Melilla e il Marocco – o quello di Ceuta, lungo otto chilometri – scavalcando le barriere, nuotando lungo la costa o nascondendosi nei veicoli. I due territori sono protetti da recinzioni fortificate con filo spinato, videocamere e torri di guardia.

Il 2 e 3 marzo 2022, a Melilla si è verificato il più grande tentativo di violazione del confine con il Marocco, quando più di 4.000 persone hanno cercato di entrare nel territorio spagnolo in meno di 24 ore.

Tensioni diplomatiche
La Spagna ha accusato il Marocco di essere complice dell’evento e di utilizzare il controllo delle frontiere e la migrazione per esercitare pressioni sulla Spagna e sull’Unione Europea. Jodi Cañas, membro spagnolo del Parlamento europeo, ha accusato il Marocco di essere ripetutamente “venuto meno agli impegni assunti con l’UE in materia di controllo delle frontiere”, nonostante abbia ricevuto miliardi di aiuti dall’UE e circa 250 milioni di euro tra il 2018 e il 2021 specificamente per fermare la migrazione.

Le relazioni diplomatiche hanno raggiunto un punto di crisi l’anno scorso, quando Madrid ha permesso al leader del movimento indipendentista del Sahara occidentale di entrare in Spagna per ricevere cure ospedaliere. In quello che è stato considerato un atto di ritorsione da parte del Marocco, le sue forze di frontiera si sono voltate dall’altra parte quando, a metà maggio 2021, più di 10.000 persone hanno attraversato a nuoto o con piccoli gommoni l’enclave spagnola di Ceuta.

Da allora, però, le tensioni tra i due Paesi si sono attenuate, dopo che i leader si sono incontrati a Rabat per un colloquio e Madrid ha accettato di sostenere il piano di autonomia del Marocco per il territorio conteso del Sahara occidentale.

La Spagna non tollera l’immigrazione come strumento di pressione
La ricucitura dei legami tra Spagna e Marocco è stata accompagnata da un calo del numero di migranti che tentano di attraversare l’Oceano Atlantico dalla costa marocchina alle Isole Canarie. I dati del governo spagnolo mostrano che il numero di migranti che hanno raggiunto le isole Canarie nell’aprile di quest’anno è diminuito del 70% rispetto a febbraio.

All’inizio del mese, il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, ha dichiarato che il Paese “non tollererà che la tragedia dell’immigrazione clandestina venga usata come strumento di pressione”.

Si dice che la Spagna stia pianificando di inserire la “migrazione irregolare” tra le minacce alla sicurezza dei membri meridionali della NATO quando l’alleanza si riunirà per un vertice a Madrid il 29-30 giugno.

con AFP, AP, EFE

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare

Notizie

Veglia di Avvento

L’inizio del nuovo anno liturgico a livello diocesano sarà segnato dalla Veglia di Avvento celebrata dal Cardinale Giuseppe Betori il 26 Novembre alle ore 21.00 .

Notizie

News Sale della Terra Onlus

Dona il “5 per mille” nella dichiarazione dei rediti CF 94102810481 tramite donazioni liberali sul conto corrente presso Banca Etica IBAN IT92T 05018 02800 00001 11028 45