PROVINCIA D'EUROPA

Firenze - Italia

L’Europa fatica ad assistere il maggior numero di richiedenti asilo degli ultimi sei anni

Passaporto Foto di cytis da Pixabay
Mentre l'Unione Europea continua a non avere una politica migratoria unificata e i Paesi non riescono a fornire i beni di prima necessità ai richiedenti asilo, le organizzazioni caritatevoli e le reti regionali si affrettano a colmare le lacune.

Autore: Sonya Ciesnik
Fonte: INFOMIGRANTS

Quando Medici senza frontiere (MSF) ha aperto una clinica mobile di fronte al principale ufficio di asilo di Bruxelles, l’équipe è stata rapidamente sopraffatta. Ogni giorno tra i 50 e i 70 migranti senza fissa dimora chiedevano assistenza medica.

La vita all’aperto ha il suo prezzo: malattie come la scabbia o la dissenteria abbondano tra i migranti già deboli dopo il lungo viaggio verso l’Europa.

“Abbiamo fornito a certi individui cure mediche e dopo due settimane sono tornati con lo stesso problema”, ha detto David Vogel di MSF.

Descrivendo un circolo vizioso, il suo collega Quentin Barria ha aggiunto: “Come associazione sanitaria, possiamo occuparci dell’aspetto medico, ma il governo non è riuscito a fornire un riparo ai migranti e questo è il cuore del problema”.

Una tendenza più ampia in Europa

Il caso del Belgio indica una tendenza più ampia in tutta Europa e la possibilità di una nuova crisi migratoria della stessa portata di quella del 2015.

Nel settembre 2022, i Paesi dell’Unione Europea, più la Norvegia e la Svizzera, hanno ricevuto circa 98.000 domande di asilo, il numero più alto dal settembre 2016. L’elevato numero di domande di asilo si aggiunge al gran numero di rifugiati in fuga dalla guerra in Ucraina.

I nuovi arrivi e le difficoltà delle strutture europee ad assisterli hanno fatto temere una nuova ondata populista in Europa. Le divisioni tra il nord e il sud dell’Europa sono emerse chiaramente quando il nuovo primo ministro italiano Giorgia Meloni ha rifiutato di far entrare nel suo porto la Ocean Viking, una nave di soccorso con a bordo 234 migranti, e la Francia è intervenuta.

Alloggi al limite della capienza

In Germania, Helmut Dedy, capo dell’Associazione delle città tedesche, ha avvertito che molte località del Paese non sono più in grado di fornire alloggi decenti ai rifugiati.

“Dovremo iniziare a fare affidamento su soluzioni di emergenza, perché gli alloggi regolari che verrebbero forniti a questo scopo non sono disponibili in quantità e qualità”, ha detto il sindaco di Straubing Markus Pannermayr alla radio Bayern 2.

A Berlino, una tendopoli nell’ex aeroporto di Tegel ospiterà 3.600 ucraini, mentre le autorità prevedono l’arrivo dell’inverno e di nuove ondate di rifugiati. Gli stranieri dormono in cuccette in cubicoli condivisi mentre le loro richieste di protezione internazionale vengono esaminate.

Le enormi tende dell’aeroporto di Tegel, ciascuna con 400 posti letto, devono essere riscaldate durante l’inverno: Sabine Kinkartz/DW

Vogel ha descritto una situazione altrettanto complicata in Belgio: “Dall’inizio dell’anno, il sistema di alloggi è stato saturato e si stima che siano circa 3.000 gli uomini che non hanno potuto accedere a un rifugio. Da due mesi, il sistema non ha più spazio. Le donne con bambini (accolte in via prioritaria) vengono respinte”.

Fedasil, la rete federale per i richiedenti asilo in Belgio, si trova in difficoltà per due motivi: il sistema non si sta espandendo e c’è un arretrato di 16.000 domande in lista d’attesa. In alcuni casi, i migranti aspettano fino a un anno prima di entrare nella rete che fornirà loro alloggio, cibo, servizi sociali e giudiziari.

Sfollamento ucraino

La triste situazione di donne e bambini che trascorrono le rigide notti invernali per strada contrasta con la rapida risposta fornita ai rifugiati ucraini. I governi europei sono stati elogiati per la loro efficacia nel fornire protezione ai nuovi arrivati, ma anche criticati dalle organizzazioni per il presunto trattamento preferenziale riservato ai rifugiati ucraini rispetto a quelli provenienti da altri Paesi.

Il timore degli analisti è che una ripresa della cosiddetta crisi dei rifugiati possa minacciare la coesione del blocco. Con la recessione all’orizzonte, i cittadini e gli elettori europei potrebbero non sentirsi necessariamente così generosi con i nuovi arrivati come quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Alle elezioni nazionali svedesi di settembre, il partito nazionalista Sweden Democrats ha ottenuto circa il 20% dei voti, un successo in gran parte attribuito all’appeal del leader del partito nei confronti di un elettorato disilluso dai partiti tradizionali del Paese e decisamente meno tollerante nei confronti dei migranti.

Temendo una ripresa degli attraversamenti irregolari delle frontiere e una “guerra intestina” contro l’UE da parte di leader autoritari come Vladimir Putin e Alexander Lukashenko, la Polonia ha iniziato a costruire un muro lungo il confine con la Russia di Kaliningrad.

Richiedenti asilo attendono davanti alla sede dell’agenzia per l’asilo Fedasil a Bruxelles, in Belgio, il 29 agosto 2022 | Foto: picture-alliance

Migranti nel limbo

A Bruxelles, uno squat aperto a metà novembre in Rue des Palais è passato rapidamente da poche decine di abitanti a diverse centinaia. La polizia disperde regolarmente le persone che dormono fuori dal centro per l’immigrazione dove presentano le loro richieste di asilo.

La clinica aperta da MSF continua a curare le persone che dormono fuori, cosa che lo Stato dovrebbe fare. “La situazione è particolarmente difficile per le famiglie”, ha dichiarato Vogel, sottolineando che i casi di violenza, aggressione sessuale e suicidio tra queste popolazioni vulnerabili sono in aumento.

In assenza di un approccio europeo coordinato alla migrazione, gli analisti si aspettano in futuro maggiori attriti tra gli Stati membri. Nel frattempo, le regioni lanciano l’allarme sulla diminuzione delle risorse, mentre i richiedenti asilo continuano a vivere nel limbo di aver raggiunto l’Europa ma di non essere in grado di sbloccare le risorse che daranno loro accesso a una vita migliore.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gli aggiornamenti

Altro da Esplorare